Autore Topic: Albero a camme e gomiti  (Letto 1597 volte)

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: Renault Laguna 3.0 V6 200cv - BMW 320D 2.0 177cv
Albero a camme e gomiti
« il: 31 Agosto 2007, 17:13 »
Albero a camme:
Nei motori a quattro tempi il movimento delle valvole viene comandato da una serie di eccentrici dei quali Ŕ dotato l'albero a camme. Questo organo meccanico ruota con velocitÓ dimezzata rispetto all'albero a gomiti, dal quale viene azionato per mezzo di catene, cinghie dentate o ingranaggi. PerchŔ il movimento delle valvole abbia luogo secondo le modalitÓ previste in fase di progetto ovverosia perchŔ ciascuna di esse inizi ad aprirsi e finisca di chiudersi nei momenti prefissati, l'albero a camme deve essere correttamente fasato rispetto all'albero a gomiti. Gli alberi a camme, che di norma poggiano su cuscinetti a strisciamento, possono essere realizzati in  acciaio o in ghisa (in questo secondo caso sono ottenuti per fusione). Le superfici di lavoro degli eccentrici debbono avere una elevata durezza e durante il funzionamento debbono venire convenientemente lubrificate.
Nella maggior parte dei motori moderni l'albero a camme Ŕ alloggiato nella testata e comanda le valvole agendo su punterie a bicchiere oppure su bilancieri (che a seconda dei casi possono essere a dito o con due bracci). L'albero a camme pu˛ essere disposto nel basamento e in tal caso aziona le valvole per mezzo di punterie, aste e bilancieri.
Nei motori di prestazioni molto elevate si impiegano spesso due alberi a camme in testa (distribuzione bialbero) che comandano le valvole per mezzo di punterie a bicchiere o di bilancieri a dito.

Albero a gomiti:
Detto anche "albero motore" o meno frequentemente, "collo d'oca", Ŕ l'organo meccanico rotante e dotato di una serie di manovelle per mezzo del quale il movimento dalle bielle viene inviato alla presa di forza (volano). Gli alberi a gomito vengono realizzati in acciaio (per fucinatura) oppure in ghisa a grafite sferoidale (per fusione) e sono dotati di una serie di perni di banco perfettamente coassiali che poggiano, tramite interposizione di cuscinetti a guscio sottile, sugli appositi supporti dei quali Ŕ dotato il basamento. I perni di manovella, ai quali sono collegate (anche in questo caso con interposizione di cuscinetti a strisciamento) le bielle, sono uniti ai perni di banco dai bracci di manovella. Per poter ruotare senza dar luogo a inammissibili vibrazioni, l'albero a gomiti deve essere accuratamente equilibrato; si impiegano a tal fine dei contrappesi ricavati unitamente ai bracci di manovella, dalla parte opposta ai perni di biella.
L'insieme braccio di manovella pi¨ contrappeso viene anche definito "maschetta". L'impiego di perni di banco e di biella di rilevante diametro, unitamente all'adozione di corse piuttosto contenute, consente di ottenere alberi dotati di grande rigiditÓ grazie al "ricoprimento" che si pu˛ avere tra i perni stessi. La disposizione dei perni di manovella Ŕ legata al numero dei  cilindri e alla architettura dei motore. Sovente nei motori a V su ogni perno di manovella lavorano affiancate due bielle. I perni dell'albero debbono essere dotati di una elevata durezza e presentare una rugositÓ superficiale estremamente ridotta; essi sono uniti agli spallamenti (ovverosia ai bracci di manovella) mediante adeguati raggi di raccordo oppure mediante rullatura. L'albero a gomiti Ŕ di norma attraversato da una serie di canalizzazioni interne che hanno la funzione di far arrivare l'olio in pressione dai cuscinetti di banco ai cuscinetti di biella. I margini dei fori di queste canalizzazioni debbono essere accuratamente svasati. A una estremitÓ dell'albero a gomiti Ŕ fissato il volano (al quale Ŕ vincolato il complessivo della frizione), mentre alla estremitÓ opposta sono usualmente piazzati il pignone o la puleggia dentata di comando della distribuzione e la puleggia per la cinghia che comanda i dispositivi accessori.


Albero a camme................Albero a gomiti

Motore bialbero:
Con questo termine si indicano le distribuzioni con due alberi a camme in  testa (se il motore ha due bancate di cilindri ovviamente gli alberi sono due per ogni testata). Si tratta di una soluzione universalmente impiegata nei motori da competizione ed estremamente diffusa anche nei motori di serie di prestazioni molto elevate che consente di ridurre al minimo le masse degli organi in moto alterno preposti all'azionamento di ciascuna valvola, quindi si presta ottimamente al raggiungimento di regimi di rotazione particolarmente elevati. I componenti interposti tra la camma e la valvola sono dotati di una grande rigiditÓ e consentono di ottenere un eccellente controllo del moto della valvola stessa.

Sezione di motore bialbero:
« Ultima modifica: 31 Agosto 2007, 17:36 da Panteras82 »

Tuning-Italia.it

Albero a camme e gomiti
« il: 31 Agosto 2007, 17:13 »