Autore Topic: Subwoofer  (Letto 6459 volte)

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Subwoofer
« il: 05 Agosto 2007, 20:40 »
Il Subwoofer è quel diffusore atto a riprodurre                  le frequenze più basse dello spettro audio.Ogni Subwoofer                  è accompagnato dai suoi parametri "Thiele-Small"                  tramite i quali è possibile ricavarne le caratteristiche                  elettromeccaniche. Tramite questi parametri possiamo progettare                  dei Box per sub, al fine di ottenere la migliore riproduzione                  delle frequenze basse.
               
                Subwoofer a doppia bobina mobile
               
La tecnologia a doppia bobina mobile incorpora due bobine                  a 4 ohm e consente di utilizzare il woofer anche a 2 ohm o a 8                  ohm d'impedenza, cambiando il collegamento dei terminali. Questo                  permette all'utente un'ampia varietà di combinazioni e                  configurazioni a seconda del numero dei woofer e della performance                  ottenibile dall'amplificatore.                
Sistema di raffreddamento della bobina mobile
               
Il sistema di raffreddamento della bobina mobile è                  un'innovazione costruttiva che porta una nuova ventata di potenza                  nell'universo dei subwoofer. Per produrre dei bassi corposi è                  necessaria una congrua quantità di energia elettrica. Tuttavia,                  poichè all'aumentare della temperatura della bobina mobile,                  aumenta pure la sua resistenza elettrica, il che si traduce nel                  peggioramento del coefficiente di smorzamento e nella conseguente                  generazione di distorsione. Il foro che si vede sotto i subwoofer                  a questo serve.
              Caricamento di un subwoofer
                Negli altoparlanti il suono viene prodotto dal movimento di una                  membrana. Qui iniziano subito i problemi perché vengono                  prodotti due fronti d'onda sonora: uno dalla parte anteriore della                  membrana, l'altro dalla parte posteriore. Purtroppo, questi fronti                  d’onda sono in controfase, col risultato che se provassimo                  a far suonare a basse frequenze e senza cassa un tipico AP a cono,                  la distanza che dovrebbe percorrere un fronte d'onda per arrivare                  a sommarsi con l'altro sarebbe praticamente nulla e i due fronti                  d'onda sarebbero liberi di annullarsi a vicenda in una sorta di                  cortocircuito acustico. In pratica vedremmo muovere la membrana                  senza udire alcunché.
                Per una corretta riproduzione delle basse frequenze è quindi                  indispensabile agire sui fronti d'onda in maniera tale da rifasarli                  oppure rendere inudibile uno dei due. Per far ciò basta                  montare l'AP in un box di caricamento, generalmente chiamato cassa                  acustica, normalmente realizzato in legno. Esistono vari tipi                  di caricamento ma per tutti, nessuno escluso, è fondamentale                  un box quanto più rigido ed impermeabile al suono. Meglio                  non lesinare sulla qualità e sullo spessore del legno.                  Esagerare non fa male…anzi!


Box Chiuso
               
Il Box chiuso                  è semplicemente una scatola e un driver, l’aria che                  sta nel box funge da sospensione pneumatica per il sub. In Base alle dimensioni                  che diamo al box modificheremo: risposta in frequenza raggiungibile,                  il tempo di delay, l’escursione del cono, ecc... . Il sub può essere montato anche a pannello ma con affinità scarse rispetto al box chiuso; per comodità di calcolo, l'aria libera la si assimila in genere ad una cassa chiusa di litraggio almeno doppio del Vas dell'altoparlante da simulare (con gli appositi software) con in più un coefficiente di perdita del box molto elevato.
Ogni tipologia                  di box ha i suoi pro e contro, ora ve ne elencherò alcuni.

                PRO
               Facile da costruire
                E’ molto rapido se viene costruito correttamente
                Ha una morbida attenuazione
                Può essere applicata molta potenza in tutta la gamma bassa
               CONTRO
               Ha un efficienza molto bassa
                Nelle ottave più basse la risposta in frequenza può                  soffrire
                Poca tenuta in potenza alle frequenze più alte della gamma                  bassa
                Formule per la costruzione di un box chiuso
               Prima di procedere ai calcoli abbiamo bisogno di alcuni parametri                  come: Fattore di merito totale dell’altoparlante (Qts),                  frequenza di risonanza (Fs), volume equivalente di cedevolezza                  (Vas).
               Per i subwoofer che hanno un Qts compreso tra 0,45 e 0,6 non                  è consigliato farlo lavorare in questo tipo di box.
               Calcolo costante Vr:
               Vr = ( Qtc / Qts )2 - 1
               Qtc- 0.7 è un valore massimamente piatto, valori superiori                  ad esso esaltano la frequenza d'accordo, scegliendo valori inferiori                  rendono il "basso" molto frenato.
               Vi consiglio scegliere un valore compreso tra 0.5-1.2 indicato                  0.8-1.0
               Calcolo del volume del box Vb:
               Vb = Vas / Vr
               Calcolo della frequenza di risonanza Fc:
               Fc = ( Qtc x Fs ) / Qts





Calcolo volume cestello:
              ( ( A1 / 2 )2 x 3.14 ) x B / 2
               Calcolo volume magnete:
               (A / 2 )2 x 3.14 x B1.
               A questo punto sommate i due risultati e se avete usato come                  unità di misura il centimetro dividete per 1000 e il risultato                  sarà in litri.


                La sospensione pneumatica
                E’ la tipologia più semplice e facile da realizzare.                  Si monta l’AP in un mobile sigillato e a tenuta stagna dove                  il fronte d'onda posteriore dell'AP non è udibile proprio                  perché imprigionato all’interno del box. Essendo                  inudibile dall’esterno non può andare a sovrapporsi                  al fronte d'onda anteriore.
                Risultato: tutto il suono di una cassa chiusa viene esclusivamente                  dal movimento della membrana, che produce, in maniera udibile,                  il solo fronte d'onda anteriore.
                Il tipo di AP e il volume della cassa determinano la frequenza                  di risonanza del box (Fc) che può essere solo superiore                  alla frequenza di risonanza dell'AP in aria libera (Fs) in quanto                  l'aria contenuta all'interno della cassa si comporta come una                  sospensione aggiuntiva. Al di sotto della Fc la risposta di un                  box chiuso cala di 12db per ottava, in assoluto la più                  bassa pendenza di attenuazione tra tutti i sistemi di caricamento.                  Nella progettazione di una cassa chiusa è auspicabile partire                  dalla scelta del valore di Qtc, ovvero, il fattore di merito della                  risposta in frequenza di un box chiuso. Attenzione al fatto che                  questo valore non può essere inferiore al Qts dell'AP.                  Un corretto progetto di cassa chiusa dovrebbe avere un Qtc compreso                  tra 0.5, molto smorzato, e 1, poco smorzato. Un ottimo valore                  di compromesso è 0.7 - 0.71 ovvero il massimo valore di                  Qtc senza enfatizzazioni della risposta. Scegliete l’altoparlante                  in maniera tale che il Qtc ottenuto con il volume di caricamento                  desiderato (Vc), sia accettabile.
                Ma come si può variare questo fattore di merito?
                Se ci pensate, mantenendo lo stesso AP, l'unico parametro che                  potete variare in una cassa chiusa è il volume di caricamento,                  il Vc. Anche l'inserimento di materiale assorbente all'interno                  del box si traduce, semplificando, in un aumento virtuale di Vc.                  Purtroppo sia la Fc che il Qtc sono inversamente proporzionali                  al volume di caricamento e quindi non si può variare il                  Qtc senza variare la Fc.
                Parliamo un poco anche del movimento della membrana in un box                  in cassa chiusa. Più le frequenze che il box è chiamato                  a riprodurre sono basse più il cono, a parità di                  pressione, è chiamato a muoversi (escursione). Questo avviene                  fino alla Fc. Al di sotto di quest’ultima l’escursione                  tende a stabilizzarsi fino a non crescere più perché                  il volume d’aria contenuto all’interno del box, chiamato                  a comprimersi di molto, lo impedisce. Per questo motivo la risposta                  cala di 12db per ottava sotto la Fc. Più un AP è                  adatto alla cassa chiusa più, purtroppo, presenta bassa                  sensibilità e necessita conseguentemente di amplificazioni                  molto “robuste”.                
Scelta dell’altoparlante:
                Sulla scelta di AP adatti a ricoprire il ruolo di subwoofer con                  questo tipo di caricamento, occorre precisare che non esistono                  regole ferree ma che si ottengono risposte in frequenza soddisfacenti                  se i parametri caratteristici di Thielle&Small rispettano                  le seguenti equazioni :
                Fs/Qes<75
                0.7>Qts>0.4
                E’ necessaria anche grande capacità di muovere aria                  da parte dell’AP se si desiderano alti volumi d’ascolto                  indistorti. Quelli che seguono sono parametri molto personali                  ma, per dare un’idea, un diametro nominale dell’AP                  di almeno 10" (25cm) congiunto ad una Xmax maggiore di 7mm                  cominciano ad essere buoni valori. Ad alcuni basta un 20cm con                  escursione risicata, ad altri non bastano due 30cm con escursioni                  Kmetriche.
              Vantaggi:
                · Facile da costruire e tollerante agli errori di progettazione
                · Transienti migliori (tradotto significa che è                  molto rapido e “naturale” se correttamente progettato                  e realizzato)
                · Bassa pendenza di attenuazione sotto la frequenza di                  risonanza (12 dB/ottava)
                · Regge molta potenza in tutta la gamma di frequenza riprodotta
                · Box generalmente piccoli
               Svantaggi:
                · Efficienza bassa
                · Minore tenuta in potenza alle frequenze più alte                  della gamma bassa con maggiore distorsione
                · Più un AP è adatto alla cassa chiusa più,                  generalmente, presenta bassa sensibilità
               Formule:
                · Vc = Vas/[(Qtc/Qts)^2-1]
                · Fc = Fs x Qtc/Qts





                IL labirinto o linea di trasmissione
                Anche il labirinto fa parte dei sistemi che sfruttano l'emissione                  posteriore del diaframma. In questo caso però è                  l'intero box che realizza il condotto, nel senso che l'onda posteriore                  viene convogliata in un condotto di sezione almeno pari alla sezione                  dell'altoparlante e di lunghezza tale per cui all'uscita l'emissione                  si ripresenta in fase con quella anteriore. La frequenza alla                  quale le due emissioni si sommano in fase è legata alla                  lunghezza del condotto, che generalmente viene fatta coincidere                  con una frazione (1/4) della lunghezza d'onda della frequenza                  di risonanza in aria libera dell'altoparlante. Esistono diverse                  varianti e teorie realizzative circa questa tipologia di carico                  acustico che lo rendono particolarmente interessante per gli autocostruttori.                  Le prestazioni acustiche di questo sistema possono essere assimilate                  a quelle di un bass reflex con un elevato fattore di smorzamento.                  In funzione delle difficoltà di realizzazione e degli ingombri                  non proprio contenuti, la linea di trasmissione è utilizzata                  quasi esclusivamente nell'alta fedeltà.
               
                Cassa Reflex

                Praticamente una cassa reflex è simile ad una cassa chiusa                  con in più un foro/condotto di uscita per l'aria, il Reflex,                  che riutilizza l’energia del fronte d'onda posteriore facendolo                  di arrivare all’ascoltatore. Questo condotto, assieme al                  volume d'aria di caricamento (Vb), determina una frequenza di                  risonanza meglio conosciuta come frequenza di accordo del reflex                  (Fb). E' importante notare che l'AP non influisce minimamente                  sul valore di questa frequenza.
                Ma come? Il fronte d’onda posteriore arriva all’ascoltatore?                  Ma non era in controfase? In questo caso l’insieme cassa                  e tubo reflex è capace di modificare il volume e la fase                  dei fronti d’onda e di proporli all’ascoltatore in                  modo tale da accordare la loro azione. Semplificando (di molto):                  il movimento d’aria proveniente dal reflex si somma al fronte                  d'onda anteriore sopra la frequenza di accordo Fb mentre al di                  sotto si sottrae e la risposta decade di 18db per ottava. Alla                  frequenza di accordo il cono dell'AP è immobile e tutto                  il suono proviene dal reflex. Ciò è dovuto alla                  risonanza del sistema "volume interno/reflex". Sotto                  la frequenza di accordo, essendo l’AP praticamente in cortocircuito                  acustico, il movimento del cono cresce spropositatamente tanto                  da consigliare l’uso di un filtro passa alto/subsonico per                  tagliare le frequenze molto al di sotto del Fb se questa è                  sopra i 45hz.
                Rispetto una cassa chiusa il progetto si complica di molto perché,                  oltre a dover scegliere un AP adatto e un volume di caricamento,                  occorre decidere il giusto valore di Fb e dimensionare correttamente                  il condotto reflex. Fortunatamente questo è anche un vantaggio                  in quanto si possono ottenere risposte in frequenza molto più                  variegate rispetto la cassa chiusa. In funzione della Fb e della                  Vb si può decidere di utilizzare il reflex per aumentare                  l’estensione in basso o per guadagnare qualche prezioso                  decibel nella gamma utile e diminuire l’escursione del cono                  a frequenze dove il contenuto energetico musicale è più                  importante. L’errore più comune è quello di                  progettare il box senza tener conto dell’importanza della                  sezione del reflex. In pratica si calcolano la Vb e la Fb e poi                  ci si ricava la sezione del reflex facendo in modo che il tubo                  reflex possa essere collocato nel box. Niente di più sbagliato.                  A causa dell’aumento delle turbolenze e della velocità                  dell’aria imposta all’interno del reflex ci ritroveremmo                  con delle vere e proprie “pernacchie” che escono dal                  reflex quando alziamo il volume. Occorre, quindi, prestare molta                  attenzione al reflex e possibilmente svasare quanto più                  possibile le estremità del tubo. A causa delle interferenze                  delle pareti del box e delle turbolenze, nella pratica difficilmente                  troverete la stessa Fb indicata dalla simulazione al computer.Ecco                  un piccolo trucco per verificarne il valore reale sul vostro box                  appena realizzato. Trattasi del “metodo del dito”.                  Fissate saldamente il tubo reflex ma lasciandovi la possibilità                  di smontarlo. Procuratevi un cd test con toni sinusoidali a passi                  di 1hz ( in rete si trovano dei softwerini per realizzarlo in                  proprio) e, partendo 10-20hz sopra la Fb desiderata e tenendo                  un dito poggiato sul cono, scendete di frequenza fino a sentire                  il cono immobile. Quella è la vera Fb che avete ottenuto.                  Fate molta attenzione a giocare con i volumi e con le frequenze                  perché, in caso contrario, rischiate di rompere l’AP.                  Provate a dare 20hz al progetto reflex di fig.3 e, esagerando                  col volume, vi ritroverete con il cono in mano! Se vi accorgete                  che qualcosa non quadra correte ai ripari. Smontante il tubo reflex                  e modificatene la lunghezza fino ad arrivare alla Fb desiderata.                  Solo a questo punto fisserete il tubo reflex in maniera definitiva.                  In generale è meglio posizionare il reflex ad almeno 5                  cm dalle pareti laterali e lasciando una distanza pari al diametro                  del reflex tra la bocca interna di quest’ultimo e la parete                  posteriore del mobile.

               Gli AP adatti a caricamenti reflex presentano generalmente alta                  sensibilità e quindi si accontentano anche di amplificazioni                  non troppo “muscolose”.
              Scelta dell’altoparlante:
                Anche per il reflex non esistono regole ferre ma solo indicative.                  Ecco delle equazioni per verificarne la compatibilità:
                Fs/Qes>60
                Qts<0.5
               Vantaggi:
                · Risposta in frequenza estesa verso il basso
                · Se ben realizzata supera in estensione verso le bassissime                  frequenze la cassa chiusa
                · Maggiore efficienza
                · Ottima tenuta in potenza al disopra della frequenza d'accordo                  del condotto
                · Distorsione minima alle frequenze più alte della                  gamma bassa
                · Buon raffreddamento della bobina mobile
                · Gli AP adatti al caricamento reflex presentano generalmente                  alta sensibilità
               Svantaggi:
                · Box generalmente grandi
                · Sotto la frequenza d'accordo l'AP suona come senza box                  e i due fronti d'onda sono liberi di annullarsi a vicenda con                  un aumento esponenziale dell’escursione del cono al diminuire                  della frequenza
                · Difficile il progetto sulla carta, ancor più difficile                  rispettarlo nella pratica
                · Suono meno naturale con transienti peggiori rispetto                  un box chiuso
                · Possibile obbligo di un filtro passa alto/subsonico
               
                Alcune Formule:
                · Diametro minimo consigliabile condotto reflex                  a sezione circolare = 0,56 x D x SQR (Xmax)/SQR(SQR(Fb))                  dove SQR è la funzione radice quadrata e D è il                  diametro espresso in millimetri del cono dell’AP
                · Lunghezza Condotto a sezione circolare                  = [2354,29 x d^2/(Vb x Fb^2)]- (0,85 x d) dove d rappresenta il                  diametro del condotto
                · Per AP con 0.45>Qts>0.2 si possono usare le formule                  seguenti per progettare un box reflex in accordo B4 (massima estensione                  con risposta piatta)
                Fb = F3 = 0,39 x Fs / Qts dove la F3, coincidente con la Fb, indica                  il punto a -3db della risposta
                Vb = 6,27 x Qts^2 x Vas




Passa Banda
              Altri carichi acustici dove la radiazione in ambiente non è                  prodotta direttamente dal diaframma dell'altoparlante, sono i                  sistemi passa banda. In questi sistemi il diaframma viene caricato                  su entrambe le facce, anteriore e posteriore, con volumi distinti.                  Esistono due tipologie di carico passa banda: il carico simmetrico                  dove un volume è in sospensione pneumatica e l'altro è                  un bass-reflex ed il doppio carico reflex dove entrambi i volumi                  sono reflex. Nel carico simmetrico l'emissione posteriore del                  woofer
                viene assorbita dal volume chiuso mentre quella anteriore viene                  filtrata dal condotto reflex. La relazione tra la frequenza di                  risonanza del box chiuso e la frequenza di accordo del reflex                  determinano la tipica risposta in frequenza a campana (passa banda).                  Le prestazioni acustiche di questo sistema sono paragonabili alla                  sospensione pneumatica, si hanno cioèbasse frequenze profonde                  e smorzate che lo rendono particolarmente indicato nella realizzazione                  di sub-woofer per alta fedeltà.
                Nel doppio reflex i volumi, anteriore e posteriore, sono dei bass                  reflex. In questo modo vengono sfruttate le emissioni di entrambe                  le facce del diaframma. Distanziando opportunamente le frequenze                  di accordo dei due volumi è possibile ottenere una "campana"                  stretta ad alta sensibilità, oppure larga a sensibilità                  minore. Una caratteristica molto importante di questa tipologia                  di carico acustico è data dalla significativa riduzione                  dell'escursione. Come già visto nei sistemi reflex a radiazione                  diretta, in corrispondenza della frequenza di accordo si ha la                  minima escursione del diaframma. Essendoci in questo sistema due
                volumi accordati, ci saranno due frequenze in corrispondenza delle                  quali l'escursione è minima.
                Questo consente di applicare maggiori potenze e ridurre le distorsioni                  armoniche. Anche in questo caso è possibile applicare un                  filtro attivo ad elevata pendenza per limitare ulteriormente le                  escursioni alle frequenze ultra
                basse. Sulla base di queste caratteristiche i sistemi doppio reflex                  vengono vantaggiosamente impiegati nel settore professionale,                  principalmente per installazioni in ambienti chiusi.




                La tromba               I sistemi di caricameto acustico visti finora possono essere                  definiti a radiazione diretta, cioè il diaframma dell'altoparlante                  irradia direttamente nell'ambiente circostante. Nei sistemi a                  tromba invece, tra il diaframma e l'ambiente viene interposto                  un dispositivo, la tromba appunto, che amplifica il rendimento                  dell'altoparlante ed in funzione delle sue caratteristiche geometriche                  consente di controllare la direttività dell'emissione.                  Strutturalmente la tromba è costituita da un condotto a                  sezione crescente che raccorda
                due superfici: la gola che è affacciata al diaframma dell'altoparlante                  e la bocca che è affacciata all'ambiente. La progressione                  della variazione di sezione del condotto dalla gola alla bocca                  è regolata da precise relazioni matematiche che definiscono                  la
                tipologia della tromba stessa: esponenziale, conica, iperbolica                  ecc.
                Molto spesso per ovviare alla eccessiva lunghezza si usa ripiegare                  il condotto in più tratti. In relazione alle caratteristiche                  di alto rendimento ed agli ingombri non proprio contenuti i sistemi                  a tromba vengono impiegati in massima parte nel settore professionale,                  ma sono molti i loro estimatori anche nell'alta fedeltà.


Tuning-Italia.it

Subwoofer
« il: 05 Agosto 2007, 20:40 »

Offline ROCCO988

  • Utente
  • **
  • Post: 79
    • Mostra profilo
Subwoofer
« Risposta #1 il: 26 Agosto 2007, 04:12 »
Sbalorditivo...ma dove l'hai prese tutte ste informazioni?
O è cultura tua?
Mamma mia non ci capisco nienteeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!
 
Ciao:thumbup:
ROCCO988:thumbup:

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Subwoofer
« Risposta #2 il: 26 Agosto 2007, 10:10 »
Ecco il perchè di tanti woofer che all'apparenza sembrano identici...in realtà possono essere diversi tra loro (tranne che nel diametro) e, nello stesso impianto, dove uno cala di prestazioni l'altro viene in aiuto...
Panteras, molto utile come guida e glossario.
Solo che la formula per ricavare il volume del cestello mi pare che sia quella del volume di un cono, non mi ricordo bene, quindi tu con quella formula geometrica ricavi il volume del cono che ha per altezza B(quindi il vertice dove B finisce) e per base il cerchio del cestello A.
Non sarebbe da utilizzare la formula del tronco di cono dove A è la base maggiore e la superficie del magnete è la base minore e B l'altezza?
Praticamente dovresti seguire questa formula (spero di non aver fatto errori, o forse è una gran caxxata della domenica mattino post lavoro notturnolol ):
 
3.14x(A/2)XB+(3.14X((A1-A)/2)2 XB)/2
+ la formula per il calcolo del volume del magnete...
 
 
forse c'era una versione meno complicata della formula per il volume di tronco di cono nel libro di matematica del liceo a casa dei miei...casomai se mi ricordo la posto.

Ora anche su Facebook!

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Subwoofer
« Risposta #3 il: 26 Agosto 2007, 13:39 »
Non saprei silvestro, io ho sempre conosciuto quella...

Non è tutta cultura mia, prima di fare la guida mi sono documentato bene :D.

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Subwoofer
« Risposta #4 il: 27 Agosto 2007, 07:11 »
Ma si, e poi i coni mica sono tutti di quella forma perfettamente geometrica...e poi non sono chiusi, tutto il volume che calcoli in realtà è aperto e quindi aria ne circola anche là dentro, forse dovrebbe esserne tenuto conto per la costruzione della cassa armonica...
Cmq da quello che ho capito, il sistema più efficace per costruire un buon sub è: progettare la scatola, scegliere il giusto cono (o viceversa nell'ordine), costruire la scatola attenendosi al progetto ed infine "registrare-regolare" la scatola o i condotti reflex (se si fa un sub con reflex) con l'aiuto di un cd tester con tutte le frequenze...

Ora anche su Facebook!

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Subwoofer
« Risposta #5 il: 27 Agosto 2007, 16:07 »
La cosa importante è costruire un box a dovere rispettando i parametri del woofer.

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Subwoofer
« Risposta #6 il: 16 Settembre 2007, 19:30 »
Ecco un programma per calcolare il volume del box e per costruire un crossover a due e tre vie.

http://www.megaupload.com/it/?d=YTW7VPG6

Offline Scratch

  • Utente
  • **
  • Post: 539
    • Mostra profilo
Subwoofer
« Risposta #7 il: 26 Ottobre 2007, 22:17 »
Panteras sei un santo, questo programma mi risolve praticamente il problema di non aver capito assolutamente i calcoli...

...grazie, davvero grazie!

Offline libertyno

  • Utente anziano
  • ****
  • Post: 2685
    • Mostra profilo
Subwoofer
« Risposta #8 il: 23 Dicembre 2007, 13:52 »
......mmm .....mi hai preceduto lol .....sono un PIEROlol !!!!:thumbup:

Offline geordy83

  • Utente
  • **
  • Post: 113
    • Mostra profilo
Subwoofer
« Risposta #9 il: 19 Luglio 2009, 20:14 »
grazie x il programma!:D