Autore Topic: Varie tipologie di altoparlati  (Letto 3265 volte)

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Varie tipologie di altoparlati
« il: 16 Settembre 2007, 17:14 »
            Le tipologie di altoparlanti - i componenti separati:
         
Come avete potuto capire, un solo altoparlante non può riprodurre correttamente tutto lo spettro audio. Per risolvere questo inconveniente dividiamo la nostra banda di frequenza in "sottobande", assegnando ad ognuna di queste un altoparlante specifico. Più saranno le sottobande più saranno gli altoparlanti che ci serviranno, di conseguenza migliore sarà la riproduzione del suono.
Nell'immagine sottostante, ho fatto una divisione approssimativa dello spettro audio, ad ogni colore corrisponde una sottobanda e la tipologia di altoparlante adatta a riprodurla.



Penso che il grafico con le varie variazioni di colori sia stato comprensibile.
Per avere risultati accettabili ci possiamo accontntare già di un sistema a due vie (tweeter + midwoofer) ben calibrato oppure tre vie (tweeter + midrage + woofer) anch'esso ben calibrato, invece per avere un risultato esoterico, possiamo utilizare sistemi a cinque vie, molto difficili da calibrare e poco usati.


Analizziamo le varie tipologie di altoparlanti:
TWEETER:
Riproduce, le frequenze alte dello spettro audio, è costruito con materiali molto leggeri per avere una rapida risposta. Solitamente hanno una dimensione che si aggira sui 28mm (mediamente) di diametro. Molti tweeter sono equipaggiati con dei rifasatori (griglie di plastica montati di fronte alla cupola) per migliorare la risposta fuori asse. A causa delle frequenze che produce, quest'altoparlante deve essere montato verso l'utente a causa della direzionalità del suono.
Un buon tweeter deve riprodurre una gamma alta ben rifinita e mai fastidiosa, veloci e frizzanti in qualsiasi situazione.


          SUPER TWEETER:
Il super tweeter, ha quasi le stesse caratteristiche di un tweeter, solo che riesce a raggiungere frequenze molto più alte, dando una definizione maggiore del suono.


MIDRANGE:
Già dal nome, possiamo intuire che è specializzato a riprodurre la gamma centrale dello spettro audio, più precisamente in un range di frequenze che va dai 500Hz ai 5500Hz. Sul mercato li troviamo con un diametro compreso tra gli 85mm ai 165mm, salvo eccezioni. Un buon midrange deve riprodurre voci chiare ed espressive senza particolari enfasi o alterazioni.


MIDWOOFER:
Chiamato anche medio-basso, proprio perché riproduce tale gamma. Questo componente riveste un ruolo importantissimo all'interno di qualsiasi impianto. Riproduce frequenze tipicamente dai 60Hz ai 4000Hz, le sue dimensioni vanno dai 130mm ai 200mm, (in media). Per avere una buona resa acustica, un midwoofer deve avere un cono abbastanza rigido per evitare le distorsioni ed un ottimo sistema di sospensione.
Questo componente deve rispondere sempre prontamente a qualsiasi sollecitazione, restituendo un suono gradevole e caldo, capace di avvolgere l'ascoltatore.


SUBWOOFER:
Dona potenza ad ogni traccia musicale, con il suo grande cono, riesce a riprodurre frequenze molto basse (da 10Hz 90Hz), per compiere quest'operazione richiede un'ottima qualità della sospensione e del cono, deve essere in grado di sopportare le continue escursioni (misurate tramite il parametro Thiele & Small, Xmax espresso in mm).
Le frequenze basse vengono percepite dal nostro corpo come sensazioni fisiche, quindi un subwoofer più aria riuscirà a spostare maggiore sarà questa sensazione, a questo punto è facile intuire che un subwoofer con maggiore diametro riuscirà a riprodurre bassi più potenti, riproducendo anche frequenze più basse. I diametri mediamente vanno dai 160mm ai 380mm fino ad arrivare ad 800mm.




            Le tipologie di altoparlanti - soluzioni uniche:
Alcune volte è impossibile installare componenti separati, come ad esempio tweeter, midrange, cosi le case costruttrici di altoparlanti hanno creato dei dispositivi che montano sullo stesso driver un tweeter (coassiale) o tweeter e midrange (triassiale). I vantaggi di queste soluzioni sono: un prezzo abbastanza basso, la facilità del montaggio, in molti casi non si deve usare alcun crossover.
          Mentre gli svantaggi sono: una bassa qualità della tipologia di crossover usato (solitamente si usano filtri del primo tipo solo sul tweeter o midrange), qualità sonora che viene raggiunta, medio-bassa.

Quindi degli altoparlanti del genere possono essere una soluzione rapida ed economica. In commercio il diametro va dai 130mm fino ai 200mm, sono disponibili anche le versioni ellittiche (4"x6" e 6"x9").




                Parametri degli altoparlanti: [unità di misura]
Fs: Frequenza di risonanza in Free air (aria                  libera) [Hz]
               Fc: Frequenza di risonanza dell’insieme                  sub+box [Hz]
               Fb: Frequenza di risonanza del sub in una cassa                  reflex [Hz]
               F3: Frequenza di taglio dove corrisponde un’attenuazione                  di –3dB dell’ampiezza del segnale [Hz]
               Vas: Volume equivalente di cedevolezza
               D: Diametro effettivo del cono [m]
               Sd: Superficie radiante effettiva dell’altoparlante [m²]
               Xmax: Escursione lineare massima del cono [m]
               Vd: Volume max di spostamento lineare in grado                  di riprodurre un altoparlante [m³]
               Re: Resistenza della bobina mobile, effettuata                  in corrente continua [?]
               Q: Indica un fattore generico di merito [adimensionale]
               Qms: Fattore di merito meccanico dell’altoparlante                  in corrispondenza della frequenza di risonanza [adimensionale]
               Qes: Fattore di merito elettrico dell’altoparlante                  in corrispondenza della frequenza di risonanza [adimensionale]
               Qts: Fattore di merito totale dell’altoparlante                  in corrispondenza della frequenza di risonanza [adimensionale]
               Rms: Perdite meccaniche dell’altoparlante                  [Kg/s]
               Cms: cedevolezza meccanica dell’altoparlante                  [m/N]
               B: Intensità del flusso magnetico nel traferro [T]
               L: Lunghezza del conduttore della bobina mobile                  all’interno del campo magnetico
               Pa: Potenza acustica
               Pe: Potenza elettrica
               C: Velocità di propagazione del suono                  in condizioni standard [m/s]
« Ultima modifica: 16 Settembre 2007, 17:20 da Panteras82 »

Tuning-Italia.it

Varie tipologie di altoparlati
« il: 16 Settembre 2007, 17:14 »

Offline Pazzo84

  • Utente
  • **
  • Post: 327
    • Mostra profilo
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #1 il: 15 Dicembre 2009, 11:45 »
In base a cosa si deve scegliere il tipo di altoparlante da installare?

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #2 il: 15 Dicembre 2009, 14:51 »
Il tutto dipende da che tipo di impianto vuoi avere in auto.. diciamo che le coassiali se è possibile io preferisco sempre evitarle perchè non rendono come un woofer e tweeter separati (parlo in termini di qualità).
Poi un midrage verrà montato in caso di fronte anteriore a 3 vie ad esempio: quindi sarebbe tweeter, midrage e woofer. Il tutto dipende da che soluzione si intende adottare... ci si può sbizzarrire...

Offline CENTRORADIO

  • Sponsor
  • Utente esperto
  • *
  • Post: 1182
    • Mostra profilo
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #3 il: 15 Dicembre 2009, 16:04 »
Citazione da: Panteras82;245494
ci si può sbizzarrire...


Vorrei porre l' attenzione su una cosa... Ovvero, che non è assolutamente vero che "più altoparlanti metto meglio suona l' impianto"... un sistema a 3 vie è molto più difficile da tarare, soprattutto se non si hanno gli strumenti e l' esperienza per farlo, se poi il sistema comprende anche un doppio woofer allora le cose si complicano esponenzialmente...;-)
      CENTRORADIO       Car Audio & Video - 30174 TRIVIGNANO VENEZIA - Tel. 041 907369 - Fax 041 908144 - http://www.centroradio.it

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #4 il: 17 Dicembre 2009, 19:16 »
Si si, quoto il tuo discorso.. non intendevo che più casse ci sono e più si sente meglio, dicevo che a seconda di quello che si desidera avere in auto si decide di conseguenza come indirizzare il proprio impianto. Ovviamente un sistema 3 vie a doppio woofer è piuttosto difficile da tarare, lo so benissimo perchè è la mia configurazione anteriore :D

Offline CENTRORADIO

  • Sponsor
  • Utente esperto
  • *
  • Post: 1182
    • Mostra profilo
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #5 il: 17 Dicembre 2009, 22:42 »
Mi accorgo solo ora, e mi permetto se posso di farti notare, che nella tua descrizione scritta nel primo messaggio della discussione c'è un' inesattezza ed un errore.
La prima riguarda la descrizione del supertweeter, ovvero direi che più che avere la caratteristica di raggiungere frequenze più elevate (non sempre è vero...) in realtà è più efficiente alle frequenze più alte (tipicamente dai 10 KHz in sù...), ovvero a parità di pressione generata dona più dinamica alla riproduzione delle stesse. All' ascolto il tutto si traduce in maggior dettaglio della gamma alta (comunque limitata a 20 KHZ indipendentemente da quanto possa salire il STW), e quindi aumenta la linearità della risposta. :)

L'errore invece sarebbe, secondo me, nell' inversione delle foto di midrange e midwoofer...

Tornando alla richiesta di Pazzo84, potremmo aggiungere alla descrizione di ogni tipo di altoparlante quali caratteristichedeve avere in base agli utilizzi più tipici (per es utilizzo in un sistema a 2, 3 o più vie vie, installazione in asse, fuori asse...). Per la scelta dei subwoofer hai già fatto una buona guida base, fare lo stesso per gli altri altoparlanti può evitare l' apertura di post ripetitivi secondo me ;-).
      CENTRORADIO       Car Audio & Video - 30174 TRIVIGNANO VENEZIA - Tel. 041 907369 - Fax 041 908144 - http://www.centroradio.it

Offline Panteras82

  • Moderatore globale
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4037
    • Mostra profilo
    • http://www.facebook.com/home.php?ref=home#/matteo.garavelli?ref=profile
  • Auto: BMW 320D 2.0 177cv - Renault Megane IV Sporter
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #6 il: 17 Dicembre 2009, 22:59 »
Ti ringrazio per la precisazione del supertweeter.. hai spiegato meglio di me la sua funzione :thumbup:.
Per quanto riguarda le foto sono esatte, le ho scaricate dai siti dei vari prodotti.. forse essendo di marche diverse, la loro forma inganna un pochetto l'occhio...

Offline CENTRORADIO

  • Sponsor
  • Utente esperto
  • *
  • Post: 1182
    • Mostra profilo
Varie tipologie di altoparlati
« Risposta #7 il: 17 Dicembre 2009, 23:22 »
Non riconosco la foto del midwoofer per esprimermi, ma quella del midrange è di un woofer che potrebbe essere RES/PROAUDIO/ARTEA (è sempre lo stesso prodotto rimarchiato...), sempre che io non mi sbagli...
      CENTRORADIO       Car Audio & Video - 30174 TRIVIGNANO VENEZIA - Tel. 041 907369 - Fax 041 908144 - http://www.centroradio.it