Autore Topic: Nuova fiat uno storia rovinata?  (Letto 7760 volte)

Offline superblood

  • Utente
  • **
  • Post: 686
    • Mostra profilo
    • http://www.gruppob.com
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #15 il: 13 Agosto 2011, 16:55 »
Il coupè ORIGINALE vanta 1,0 G di accelerazione laterale (valore che all'epoca era elevatissimo per una TA) dove auto tipo la BOXTER arriva a 1,09 e la M3 del tempo arrivava a 1,03 ... (prova di una rivista di qualche decennio fa!).
I limiti telaistici del coupè NON sono così male per quanto riguarda la tipologia d'auto. Infatti se pensiamo che è una trazione anteriore con un differenziale viscodrive le prestazioni che regala sono degne di nota e non solo sul dritto tanto che un PILOTA e non Toni o Bepi ne parla così "sottosterzo da TA, ma la stabilità del retrotreno mette al riparo da qualsiasi brutta sorpresa".
Quando è uscita costava 56.000.000 di Lire, che per un'auto così non erano nemmeno tanti considerato il fatto che l'Audi TT (con 1.000.000 di controlli elettronici per stare in strada) ne costava 70 di milioni di lire!

Cosa dire ... la convinzione che la coupè non faccia le curve non so da dove derivi, forse perchè a monza la boxster la sorpassa? Mah, un'auto con 1G di accelerazione laterale da originale può tranquillamente giocarsi le sue carte per rappresentare un buon compromesso tra usabilità e sportività!

Quelli che sanno come preparare un'auto, come prima modifica valutano l'installazione di un differenziale autobloccante per poter saggiare le qualità della vettura cosa che rende IMPRESSIONANTI le prestazioni di una TA, c'è un video di TOP GEAR dove provano la 147 GTA AUTODELTA da più di 300cv con autobloccante che come prestazioni sul giro è migliore del BMW M3....
Stupido è chi lo stupido fa

Tuning-Italia.it

Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #15 il: 13 Agosto 2011, 16:55 »

Offline Quetzalcoatl

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 37
    • Mostra profilo
    • http://www.fiatgroupgarage.com/index.php
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #16 il: 18 Agosto 2011, 08:01 »
Il Coupè, che come la Bravo ha il pianale derivato dalla Tipo (ALLA LONTANA, è stato allargato e riprogettato, ovviamente), all'epoca della sua uscita vantava una tenuta di strada che Quattroruote definì assolutamente neutra, con un leggero sottosterzo in accelerazione e un leggero sovrasterzo in rilascio. Teniamo presente che parliamo del 1995, mentre la Limited, che venne molti anni dopo, vantava un cambio con una marcia in più, il Viscodrive, i cerchi da 16" e l'impianto frenante Brembo (oltre agli interni TAMARRISSIMI in nero e rosso e l'avviamento a pulsante :D ). Messa così, diventava una bella bestiola...
Inoltre, una "sportiva" come la Boxster NASCE equipaggiata con pneumatici a mescola morbida, mentre il Coupè resta una FIAT, ergo auto che potenzialmente può essere usata tutti i giorni.. ERGO, gomme stradali normali. Il che significa che, suppongo, se ENTRAMBR le vetture vengono equipaggiate con semislick, forse il Boxster resta dietro :thumbup:
Per quanto riguarda la Brachetta, i suoi due limiti sono peso e assetto. Assolutamente insignificanti se la si usa per ciò che è stata concepita (la passeggiata da fichetto sul lungomare :) ), diventano importanti nella guida sportiva. Per il peso ci si può far poco, senza farla diventare una COSTOSA bestia da pista (conosco pochi tuners in grado di montare cofano parafanghi e portiere in carbonio...), ma per l'assetto si può ovviare con barra duomi, barra antirollio maggiorata, distanziali e assetto molto rigido. Per il sottosterzo di solito la "cura" implica l'allargamento dell'avantreno, ma, esteticamente parlando, montare distanziali solo all'anteriore è una scelta un po'... brutta, per cui si montano sulle 4 ruote, in pratica mantenendo il sottosterzo ma a livelli di tenuta superiori, che è già qualcosa.

Offline RaffaCT14

  • Utente
  • **
  • Post: 419
    • Mostra profilo
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #17 il: 18 Agosto 2011, 23:37 »
Visto che si parla della mia auto mi sento un po' chiamato in causa...:tongue3:

Per precisazione il viscodrive lo montano tutte le versioni turbo, quindi anche la 16v dal 1994 (come la mia). ;-) Purtroppo come autobloccante non è il massimo, agisce in ritardo e con il tempo perde le caratteristiche originarie, però per l'epoca e per il target dell'auto era già un grande passo.

Da possessore di coupè posso dire che è una bellissima auto, estetica all'avanguardia (e anche particolare, o la ami o la odi), ottime prestazioni e grandi possibilità di elaborazione. L'unica vera pecca di quest'auto è la trazione anteriore.

In piste veloci può ancora dire molto di se, meglio se con un buon assetto. Io mi ci diverto tantissimo, anche se finora ho girato solo in piccole piste e ho l'assetto originale. Entro fine settembre dovrei sistemare anche questo e poi tornare di nuovo in pista. :)

Ora come ora avrei voglia di un'auto diversa, una trazione posteriore con cui poter fare quello che con la coupè non posso permettermi, ma in ogni caso la vorrei sempre soltanto affiancare e non sostituire. Dopo averla avuta è difficile separarsi da una fiat coupè. :thumbup:
Raffaele "RaffaCT14"
Socio n°26 Etna Tuning Club
Socio n°108 Fiat Coupè Passion


Offline Quetzalcoatl

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 37
    • Mostra profilo
    • http://www.fiatgroupgarage.com/index.php
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #18 il: 19 Agosto 2011, 08:45 »
Sul Viscodrive hai ragione, infatti oggi Alfa (che da sempre è il marchio che "testa" le innovazioni tecnologiche del Gruppo) lo ha sostituito con il Q2, che è un Torsen. Molto più brusco e immediato, inadatto alle 4WD e alle trazioni posteriori (dove, per l'appunto, si preferisce l'LSD), è perfetto invece per correggere all'istante il comportamento "pigro" delle trazioni anteriori.

PS: sei socio dell'Etna Tuning Club... mi sa che conosci un certo Pedro vero? lol

PPS: mi permetto di ritornare On Topic... come è successo per la Delta, anche per la Uno si grida allo scandalo, confrontando il "furgoncino" del Concept nuovo con la TURBO I.E. ... a mio avviso, la Uno è INNANZI TUTTO una piccola e risparmiosa utilitaria, i cui pregi sono da ricercare nella robustezza, nella poca manutenzione, nei bassi consumi e nella buona abitabilità rapportata alle dimensioni esterne. La Uno Turbo è una "derivata" di questa vettura, e come tale va vista.
Senza contare che anche il Qubo ha buone potenzialità... lo vidi al Motor Show con vernice arancio metallizzato, cerchi multirazza da 17" e impianto multimediale con uno schermo LCD in plancia e due sui poggiatesta... TUTTO mi sembrava fuorchè un derivato di un mezzo da lavoro!!! E credo che con un buon assetto potrebbe riservare sorprese...:thumbup:

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #19 il: 19 Agosto 2011, 15:53 »
Citazione da: Quetzalcoa;256987
Sul Viscodrive hai ragione, infatti oggi Alfa (che da sempre è il marchio che "testa" le innovazioni tecnologiche del Gruppo) lo ha sostituito con il Q2, che è un Torsen. Molto più brusco e immediato, inadatto alle 4WD e alle trazioni posteriori (dove, per l'appunto, si preferisce l'LSD), è perfetto invece per correggere all'istante il comportamento "pigro" delle trazioni anteriori.

PS: sei socio dell'Etna Tuning Club... mi sa che conosci un certo Pedro vero? lol

PPS: mi permetto di ritornare On Topic... come è successo per la Delta, anche per la Uno si grida allo scandalo, confrontando il "furgoncino" del Concept nuovo con la TURBO I.E. ... a mio avviso, la Uno è INNANZI TUTTO una piccola e risparmiosa utilitaria, i cui pregi sono da ricercare nella robustezza, nella poca manutenzione, nei bassi consumi e nella buona abitabilità rapportata alle dimensioni esterne. La Uno Turbo è una "derivata" di questa vettura, e come tale va vista.
Senza contare che anche il Qubo ha buone potenzialità... lo vidi al Motor Show con vernice arancio metallizzato, cerchi multirazza da 17" e impianto multimediale con uno schermo LCD in plancia e due sui poggiatesta... TUTTO mi sembrava fuorchè un derivato di un mezzo da lavoro!!! E credo che con un buon assetto potrebbe riservare sorprese...:thumbup:


Tornando in topic, e' brutto secondo me derivare una utilitaria da un furgone, peggio ancora darle un nome che appartiene ad un'auto cosi' importante sia per la fiat che per lo sviluppo dell'intero segmento B.
La Uno rimpiazzava la Ritmo ma era una quasi completa rivoluzione, non un cavolo di restyling.
La Punto chiamata a rimpiazzare la Uno ha ulteriormente rivoluzionato l'utilitaria, ma il divario (tra Uno e Punto) era inferiore rispetto a quello tra Uno e Ritmo. Tanto che si faceva notare che il nome "uno" era contenuto nel nome "punto", ma tra Ritmo e Uno c'era un abisso.
Ora vediamo, di tutta questa storia, di tutto questo blasone, cosa si puo' ritrovare nella conversione di un furgone ad utilitaria? io non lo so... so che le auto fatte bene non si progettano cosi' di solito.
Di solito si progettano da zero. E non e' questo il caso.
Il Qubo e' carino si ma ha delle linee e delle dimensioni che ricordano benissimo il Fiorino...ed infatti a quello si rifa'. Il telaio sara' anche buono, per carita', ma le misure proprio non vanno bene.

Ora anche su Facebook!

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #20 il: 19 Agosto 2011, 15:58 »
Comunque volevo far notare che in giro si vede anche questo prototipo...qualcuno e' in grado di fare piu' chiarezza?



Questa dicono che la produrranno in Serbia e sara' la nuova Uno con telaio in comune con la nuova Panda...
Cosi' non sarebbe neanche male, vagamente ricorda la Uno, e' chiaramente un'automobile (e non un furgonelol), si inserisce nella stessa fascia della vecchia Uno, un po' sotto la Grande Punto (che ormai ha le dimensioni di una Tipo)...
Non male direi.
Anzi, bella!

Ora anche su Facebook!

Offline Quetzalcoatl

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 37
    • Mostra profilo
    • http://www.fiatgroupgarage.com/index.php
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #21 il: 22 Agosto 2011, 09:28 »
Citazione da: silvestrostileitalia;256996
[...]Di solito si progettano da zero. E non e' questo il caso.
Il Qubo e' carino si ma ha delle linee e delle dimensioni che ricordano benissimo il Fiorino...ed infatti a quello si rifa'. Il telaio sara' anche buono, per carita', ma le misure proprio non vanno bene.

Purtroppo per i miei (e, penso, i tuoi) gusti, oggi le auto tendono a farle strette, corte e alte. Questo perchè, in termini di spazio occupato nel traffico, nei parcheggi e nei garage, l'altezza non si "paga", la lunghezza e la larghezza sì.
Sono quindi nate vetture specifiche, che a volte sono derivate da veicoli commerciali (Kangoo ad es. ), a volte sono veicoli progettati ad hoc (Idea-Musa ad es.).
La vera rivoluzione, in questo senso, potrebbe essere quella di concepire l'utilitaria come un'auto con la massima abitabilità possibile rapportata alle dimensioni di ingombro esterne: non più quindi "scatolette" come la 600, ma vetture comode e spaziose, dove però la seduta è più "verticale" per limitare l'ingombro dell'abitacolo. In sostanza, fondere utilitaria e multispazio in un'unico segmento.

Inoltre, ricordo che le spese di progettazione di una carrozzeria si ammortizzano in 4-5 anni, mentre quelle di un pianale in almeno 10 (e quelle di un motore progettato da zero una ventina d'anni).
Il telaio della Uno fu progettato da zero (mentre ad es. la Uno CS usava quello della 127 allargato), lo stesso pianale venne riprogettato per la Tipo, e da quello si arrivò al pianale di Punto e Coupè (che ovviamente ricevette un ulteriore allargamento). Un ulteriore step evolutivo portò al pianale di Bravo/Brava/Marea, mentre il vecchio pianale Uno/Punto venne usato per la Palio. Credo che il pianale "nuovo" al 100% sia quello della New Bravo (riutilizzato in versione lunga per Delta e riprogettato profondamente per Giulietta), per cui per ancora un po' di anni non vedremo un pianale nuovo al 100%.

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #22 il: 22 Agosto 2011, 17:26 »
Citazione da: Quetzalcoa;257024
Purtroppo per i miei (e, penso, i tuoi) gusti, oggi le auto tendono a farle strette, corte e alte. Questo perchè, in termini di spazio occupato nel traffico, nei parcheggi e nei garage, l'altezza non si "paga", la lunghezza e la larghezza sì.
Sono quindi nate vetture specifiche, che a volte sono derivate da veicoli commerciali (Kangoo ad es. ), a volte sono veicoli progettati ad hoc (Idea-Musa ad es.).
La vera rivoluzione, in questo senso, potrebbe essere quella di concepire l'utilitaria come un'auto con la massima abitabilità possibile rapportata alle dimensioni di ingombro esterne: non più quindi "scatolette" come la 600, ma vetture comode e spaziose, dove però la seduta è più "verticale" per limitare l'ingombro dell'abitacolo. In sostanza, fondere utilitaria e multispazio in un'unico segmento.

Inoltre, ricordo che le spese di progettazione di una carrozzeria si ammortizzano in 4-5 anni, mentre quelle di un pianale in almeno 10 (e quelle di un motore progettato da zero una ventina d'anni).
Il telaio della Uno fu progettato da zero (mentre ad es. la Uno CS usava quello della 127 allargato), lo stesso pianale venne riprogettato per la Tipo, e da quello si arrivò al pianale di Punto e Coupè (che ovviamente ricevette un ulteriore allargamento). Un ulteriore step evolutivo portò al pianale di Bravo/Brava/Marea, mentre il vecchio pianale Uno/Punto venne usato per la Palio. Credo che il pianale "nuovo" al 100% sia quello della New Bravo (riutilizzato in versione lunga per Delta e riprogettato profondamente per Giulietta), per cui per ancora un po' di anni non vedremo un pianale nuovo al 100%.

uhm pensavo che non riprendessero nemmeno in mano i pianali per distinguere tra Bravo new, Delta new, e Giulietta new...buono a sapersi...anche se la Giulietta new secondo me da' ancora l'idea di esser troppo parente stretta della Bravo new.

Riguardo la Uno CS, ma sei sicuro che adottasse un pianale allargato della 127???:shock:
Io sapevo che semplicemente aveva delle sospensioni piu' lunghe adatte alle strade del Brasile, tutto qui! Che senso ha cambiare pianale ad una macchina che in catena di montaggio ha gia' il suo????:shock::-?
EDIT: ho appena letto, su wikipedia...telaio della 128!!!!!:shock::shock:
Veramente un'altra macchina, solo simile alla Uno europea, simile di carrozzeria, ma pianale - e motore, quello gia' lo sapevo - completamente diversi...ma pensa...una cosa impensabile al giorno d'oggi.
« Ultima modifica: 22 Agosto 2011, 17:35 da silvestrostileitalia »

Ora anche su Facebook!

Offline NitroDrift

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *
  • Post: 8884
    • Mostra profilo
  • Auto: Peugeot 206, Nissan 200sx Hatchback
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #23 il: 22 Agosto 2011, 18:48 »
Citazione da: silvestrostileitalia;256997
Comunque volevo far notare che in giro si vede anche questo prototipo...qualcuno e' in grado di fare piu' chiarezza?





n'altro accrocchio dei pseudo designer fiat .. se la producono è n'altra macchina con una linea di una banalità assurda.. e alquanto orrenda..

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #24 il: 23 Agosto 2011, 07:17 »
Citazione da: NitroDrift;257029
n'altro accrocchio dei pseudo designer fiat .. se la producono è n'altra macchina con una linea di una banalità assurda.. e alquanto orrenda..


Per assurdo, e' proprio la stessa identica cosa che ho pensato quando ho visto per la prima volta in foto la Punto prima serie...dopo 20 anni la banalita' di quel design e' ancora attuale, mentre con un'originalita' di stile sarebbe sicuramente invecchiata prima.

Ora anche su Facebook!

Offline NitroDrift

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *
  • Post: 8884
    • Mostra profilo
  • Auto: Peugeot 206, Nissan 200sx Hatchback
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #25 il: 23 Agosto 2011, 09:03 »
o meglio lo vogliono far passare per attuale ... pensaci ;)

Offline silvestrostileitalia

  • Sponsor
  • Utente anziano
  • *
  • Post: 4442
  • Lavorazioni Vetroresina Carbonio Carrozzeria
    • Mostra profilo
    • http://www.stile-italia.net
  • Auto: Alfa Romeo 145 1.4 Twin Spark NERONOTTE
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #26 il: 23 Agosto 2011, 10:15 »
Citazione da: NitroDrift;257032
o meglio lo vogliono far passare per attuale ... pensaci ;)


va be'...confrontiamo la punto 1 con le concorrenti degli stessi anni...

citroen saxo 1...
peugeot 106... (la 205 non c'era gia' piu' mi pare)
renault clio 1...
Opel corsa B (ce l'avevo io e nonostante tutto e' invecchiata piu' della punto)
VW Polo 6n (l'unica che ancora si possa guardare)

La punto mk1 tenuta bene non sfigura di fronte ad una nuova 500 appena uscita di concessionario.

Ora anche su Facebook!

Offline Quetzalcoatl

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 37
    • Mostra profilo
    • http://www.fiatgroupgarage.com/index.php
Nuova fiat uno storia rovinata?
« Risposta #27 il: 23 Agosto 2011, 10:34 »
Citazione da: silvestrostileitalia;257028
uhm pensavo che non riprendessero nemmeno in mano i pianali per distinguere tra Bravo new, Delta new, e Giulietta new...buono a sapersi...anche se la Giulietta new secondo me da' ancora l'idea di esser troppo parente stretta della Bravo new.

Riguardo la Uno CS, ma sei sicuro che adottasse un pianale allargato della 127???:shock:
Io sapevo che semplicemente aveva delle sospensioni piu' lunghe adatte alle strade del Brasile, tutto qui! Che senso ha cambiare pianale ad una macchina che in catena di montaggio ha gia' il suo????:shock::-?
EDIT: ho appena letto, su wikipedia...telaio della 128!!!!!:shock::shock:
Veramente un'altra macchina, solo simile alla Uno europea, simile di carrozzeria, ma pianale - e motore, quello gia' lo sapevo - completamente diversi...ma pensa...una cosa impensabile al giorno d'oggi.

Delta ha un passo lunghissimo, ottenuto allungando il telaio Bravo, che ha permesso agli ingegneri Lancia di creare un abitacolo dall'abitabilità (cm alla mano) PARI a quello della Thesis.
Riguardo Giulietta, ecco cosa ne pensano i giornalisti tedeschi:
http://www.omniauto.it/magazine/12363/alfa-romeo-giulietta-il-parere-dei-tedeschi
La Giulietta, invece, usa un telaio totalmente nuovo (mi ha fatto bugiardo :thefinger: ) progettato sulla base dell'utilizzo massiccio di acciai ad altissima resistenza (e quindi con minore necessità di spessori, e di peso) e con le sospensioni in alluminio e acciaio temperato per stampaggio a caldo. In particolare, per le sospensioni anteriori si è abbandonato il quadrilatero alto in favore del classico McPherson, però rivisto e corretto con elementi in alluminio e telaietto in acciaio. Al posteriore, in luogo del McPherson usato su 147 e altre, si è optato per un raffinatissimo multilink, formato da un telaietto in acciaio e mozzi in alluminio. Rispetto alle soluzioni usate in passato si è risparmiato 4Kg all'anteriore e 10Kg al posteriore. La maggior parte dell'"ossatura" della macchina è stata riprogettata usando materiali più leggeri, con un risparmio di circa il 35% di peso (ad es. la traversa sottoplancia in lega di magnesio invece che in acciaio). Questo telaio, denominato "compact", ha la parte centrale predisposta per allungamenti o accorciamenti, permettendo di sfruttare questo telaio in futuro per vetture dello stesso segmento e anche di categoria superiore.
Fonte: http://www.mitoalfaromeo.it/notizie/2010/02/24/alfa-giuliettaanalizziamo-la-tecnica/

Riguardo la Uno CS, è stata costruita in Brasile utilizzando le vecchie linee di produzione di 127 e 128, trasferite lì quando in Italia fu creata la linea della Uno. Ogni singolo pezzo della CS è diverso da quello delle altre Uno, perfino i cristalli. Inoltre una CS si riconosce al volo dal cofano, che ha il taglio sulla fiancata invece che sulla parte superiore, e dalle sospensioni posteriori a bracci indipendenti invece che a ponte rigido (e dall'altezza da terra modello SUV :D )