Autore Topic: Detailing. Come pulisco la mia auto  (Letto 2830 volte)

Offline Autoperfetta

  • Sponsor
  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 9
  • Tuning-Italia User
    • Mostra profilo
  • Auto: Golf mk2 GTI
Detailing. Come pulisco la mia auto
« il: 28 Ottobre 2012, 17:44 »
Apro questo post che vuole essere una guida, non tanto legata alla mia attività, ma più in generale le tecniche del coretto lavaggio per evitare i tipici danni da lavaggio. Inizio con dire cosa è detailing:

Car Detailing è la massima espressione della cura dell'automobile.
Lo scopo è quello di ringiovanire e migliorare in modo evidente l'aspetto estetico della vettura, tramite un procedimento molto accurato di lavaggio (interno ed esterno), lucidatura e ricondizionamento della carrozzeria, protezione della stessa da eventi atmosferici e dall'invecchiamento. Il risultato ottenuto è un'auto molto più appariscente, bella, facile da pulire e resistente nel tempo.

Il processo estetico e di protezione si applica a tutte le parti della vettura, dalla carrozzeria ai vetri, passando da cerchi e gomme, plastiche e guarnizioni, ed anche gli interni, di qualunque materiale (plastiche, gomme, tessuti, pelle...).

Il Detailer conosce il prodotto da utilizzare e la tecnica corretta per ricondizionare ciascuna superficie, esegue un lavoro minuzioso finalizzato a rendere perfetti tutti i componenti in vista della vettura.
E' in grado di trasformare auto trascurate in gioielli più allettanti rispetto alla loro uscita dallo stabilimento di produzione. O di far tornare indietro nel tempo un'auto d'epoca.
Tutto questo senza verniciare o sostituire alcun componente!

E' doveroso sapere che esistono diversi prodotti in commercio, e che ogni tipo di imperfezione ha un prodotto specifico per estinguerla. Si sconsigliano i "rimedi della nonna", che per quanto a volte efficaci spesso portano
seccature o danneggiamenti, o semplicemente a risultati scadenti.

Qui sotto aspetto i vostri commenti.

Tuning-Italia.it

Detailing. Come pulisco la mia auto
« il: 28 Ottobre 2012, 17:44 »

Offline superblood

  • Utente
  • **
  • Post: 686
    • Mostra profilo
    • http://www.gruppob.com
Re:Detailing. Come pulisco la mia auto
« Risposta #1 il: 22 Novembre 2012, 17:49 »
Cosa ne pensi della tecnica FOAM? La utilizzeresti per il mantenimento oppure pensi sia esclusiva per il prelavaggio? Si possono secondo te usare con profitto anche foamer manuali o con la semplice acqua della canna? Consigli la lucidatura con prodotti sigillanti (a base di quarzo e altre sostanze) per poi andare di cere naturali oppure consigli altre tecniche?
Per quanto riguarda gli interni, io ho un sacco di tipi di materiali, pelle/plastica/alluminio/tessuto, esiste un prodotto unico oppure è utopia?
Esiste un KIT da "niubbi" per partire e mantenere l'auto in modo da evitare swirl e rotture simili?
Ha senso secondo te dopo aver fatto pulizia e sigillante, applicare all'avantreno una pellicola per evitare le sassate da autostrada/ghiaino invernale?

Grazie per le eventuali risposte e per il tempo che perderai per leggere :-)
Stupido è chi lo stupido fa

Offline Autoperfetta

  • Sponsor
  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 9
  • Tuning-Italia User
    • Mostra profilo
  • Auto: Golf mk2 GTI
Re:Detailing. Come pulisco la mia auto
« Risposta #2 il: 26 Novembre 2012, 21:24 »
La tecnica foam, se pensiamo alla lancia schiumogena, credo che sia appaganto solo per i occhi. Mi spiego, se devo fare un prelavaggio posso benissimo usare un comunissimo spruzzino da giardinaggio, quello con la pompetta sopra.
Ai fini del risultato è più utile proprio lo spruzzino in quando la schiuma troppo densa, quella della lancia, crea delle bolle d'aria tra la carrozzeria e il prodotto. Quindi il prodotto non aderisce bene e di conseguenza non va sfruttato al 100% delle sue possibilità.
Se usare la tecnica foam , lancia o spruzzino, come manutenzione o prelavaggio, per tutti è due. Ci sono delle schiume attive neutre che lavano molto bene ma non intaccano la protezione. In più facilitano l'operazione di lavaggio.
La lucidatura con il quarzo, penso intendi la protezione. Personalmente uso solo le cere naturali, per diversi motivi
-facilità d'uso
-il quarzo o in generale la nano tecnologia spesso promette più di quel che offre e in più molto spesso richiede delle condizioni del tempo che non sempre sono possibili, es: temperatura esterna, un certo tasso di umidità, tempi di "legatura" lunghi. La cosa che però mi convince di meno e la manutenzione di quel tipo di prodotto, il suo shampoo dedicato e un rinforzo con qualche prodotto spray dopo il lavaggio, ma il mio dubbio è questo: se dopo ogni lavaggio rinforzo, cosa ho sulla carrozzeria dopo 2-3 il prodotto o il rinforzo?
- riflessi di una buona cera saranno sempre migliori rispetto ad un prodotto sintetico
- il piacere di stendere un cera non poù essere minimamente paragonato ad un prodotto sintetico
- il profumo di alcune cere è talmente buono che ti vien voglia di mangiarle

In sostanza, parere personale ovviamente, è solo la cera sulle auto.

Per l'interni esiste un prodotto multiuso "APC" va bene su tutto, chiaro che magri avra qualchà limite su una superficie e darà il meglio su di un altra.
Kit da "niubi" non è esiste, ma se vuoi posso indicarti qualche buona combinazione dei prodotti per iniziare in modo migliore. Tendenzialmente non mi piacciono dei kit che obbligano ad acquistare anche quello che non serve e cmq vanno integrati.

La pelicola protegge solo in parte dalle sassate e la ghiaia, una volta tolta ci si ritrova con qualche sorpresa sotto.

Offline superblood

  • Utente
  • **
  • Post: 686
    • Mostra profilo
    • http://www.gruppob.com
Re:Detailing. Come pulisco la mia auto
« Risposta #3 il: 26 Novembre 2012, 23:59 »
Allora quale è secondo te il processo per ottenere lucidità e dettaglio dall'auto?
Puoi indicare una lista di azioni da fare e relativi prodotti da usare?
Puoi consigliarci come e cosa fare per ottenere buoni risultati?
Insomma ... c'è un vademecum per avere una bella auto lucida?

Grazie mille
Stupido è chi lo stupido fa

Offline Autoperfetta

  • Sponsor
  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 9
  • Tuning-Italia User
    • Mostra profilo
  • Auto: Golf mk2 GTI
Re:Detailing. Come pulisco la mia auto
« Risposta #4 il: 27 Novembre 2012, 12:58 »
Iniziamo con dire cose è detailing, in seguito posterò delle semplici "guide" Ovviamente le guide di massima, le tecniche e le modalità variano in base alle preferenze e possibilità personali.


Car detailing

Car Detailing è la massima espressione della cura dell'automobile.
Lo scopo è quello di ringiovanire e migliorare in modo evidente l'aspetto estetico della vettura, tramite un procedimento molto accurato di lavaggio (interno ed esterno), lucidatura e ricondizionamento della carrozzeria, protezione della stessa da eventi atmosferici e dall'invecchiamento. Il risultato ottenuto è un'auto molto più appariscente, bella, facile da pulire e resistente nel tempo.
 
Il processo estetico e di protezione si applica a tutte le parti della vettura, dalla carrozzeria ai vetri, passando da cerchi e gomme, plastiche e guarnizioni, ed anche gli interni, di qualunque materiale (plastiche, gomme, tessuti, pelle...).
 
Il Detailer conosce il prodotto da utilizzare e la tecnica corretta per ricondizionare ciascuna superficie, esegue un lavoro minuzioso finalizzato a rendere perfetti tutti i componenti in vista della vettura.
E' in grado di trasformare auto trascurate in gioielli più allettanti rispetto alla loro uscita dallo stabilimento di produzione. O di far tornare indietro nel tempo un'auto d'epoca.
Tutto questo senza verniciare o sostituire alcun componente!
 
E' doveroso sapere che esistono diversi prodotti in commercio, e che ogni tipo di imperfezione ha un prodotto specifico per estinguerla. Si sconsigliano i "rimedi della nonna", che per quanto a volte efficaci spesso portano
seccature o danneggiamenti, o semplicemente a risultati scadenti.
 
Affidatevi ad un Detailer riconosciuto per ridare luce alla vostra auto, per eliminare graffi e aloni, per restituirle il suo splendore originale (e anche oltre!)
Questo è il posto giusto, troverete cordialità, spiegazioni precise e dettagliate sul lavoro che necessita essere svolto per soddisfare le vostre esigenze. In modo particolare sarà nostra cura informarvi su cosa fare
per mantenere il lavoro di restauro nel tempo.
 
Se invece siete degli appassionati del fai da te, è presente nella sezione "Shop" una selezione dei migliori prodotti disponibili per la cura perfetta per l'auto: lavaggio, decontaminazione, lucidatura, pulizia
e protezione di tutti i materiali interni ed esterni, mantenimento.

Offline Autoperfetta

  • Sponsor
  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 9
  • Tuning-Italia User
    • Mostra profilo
  • Auto: Golf mk2 GTI
Re:Detailing. Come pulisco la mia auto
« Risposta #5 il: 28 Novembre 2012, 16:11 »
Qui sotto cercheremo di inserire delle guide con le foto e i video. Ovviamente sono delle guide di massima. Il detailing non è una scienza esatta quindi inserite le vostre esperienze e suggerimenti per far crescere tutti insieme questa sezione.

Nel detailing riconosciamo principalmente 5 fasi di lavoro:

1) Lavaggio
2) Decontaminazione
3) Lucidatura
4) Protezione
5) Mantenimento

Iniziamo con la prima fase ...

1) LAVAGGIO

Lo sporco è il nemico più immediato per la nostra auto: polvere, terra, fango, pioggia, neve e sale si depositano sulle superifici rovinandone l'estetica, ma non solo.
Un lavaggio ben fatto può rimuovere in sicurezza lo sporco, riportando lo stato estetico della vettura in buone condizioni,
ma ci sono degli aspetti da non trascurare.

Il lavaggio è una parte spesso trascurata nella cura dell'auto. Molti ricorrono ai tunnel con le spazzole, per un lavaggio veloce, economico e senza fatica.
Ma forse non tutti sanno che questo trattamento, oltre a non garantire un ottimo risultato in termini di pulizia,
può fare dei danni alla vernice, sotto forma di sottili graffi che si vedono in controluce,
come ad esempio sotto la luce del sole durante una bella giornata (definiti swirls).

Noi ripeteremo sempre che un buon lavaggio è quello eseguito a mano, seguendo le regole del detailing che sono:

- Prelavaggio
Rimuovere lo sporco "grosso" è fondamentale: è la maggiore fonte di guai se "portato a spasso"
durante il lavaggio può creare graffi e quindi ridurre la lucentezza della nostra verniciatura.
In base alle condizioni di sporco della vettura deve essere scelta l'aggressività del prodotto da usare: un'auto molto sporca ed incrostata avrà bisogno di un prelavaggio più aggressivo, mentre per un'auto ben tenuta basterà un prelavaggio a PH equilibrato e molto gentile.

L'importanza del prelavaggio
Lo sporco portato via con una spugna o guanto da lavaggio può graffiare la supeficie, inferendo graffi di varia entità, definiti tecnicamente "swirls":





e "rids" :







Il prelavaggio evita proprio questo.
Il prelavaggio può essere effetuato con la lancia foam, ma anche grazie ai prodotti presenti sul mercato, anche con un semplice spruzzino da giardinaggio.
Un buon prelavaggio permette di eliminare lo sporco più pericoloso, lasciando la verniciatura lubrificata e pronta per il passaggio di lavaggio, riducendo drasticamente il rischio di creare swirls durante il lavaggio.

Senza un prelavaggio adeguato il successivo passaggio con shampoo e guanto si rivelerebbe un fallimento: porteremo "a spasso" lo sporco, creando segni risolvibili solo con la lucidatura. Ecco un esempio di due tipi di prelavaggio, con e senza la lancia foam

https://www.youtube.com/watch?v=N51dP_JhNg8&feature=plcp



- Lavaggio a mano con shampoo
Per il lavaggio consigliamo l'uso di prodotti delicati e molto lubrificati, che consentano di intrappolare le particelle di sporco senza farle strisciare sulla carrozzeria, utilizzando la tecnica delle due spugne e del doppio secchio: di seguito viene illustrato il procedimento.
La tecnica delle due spugne (o guanti) consiste nel dedicarne una alle parti basse dell’auto, solitamente più sporche, l’altra al resto della vettura.
La tecnica dei due secchi consiste nell'avere un secchio riempito con l'acqua e shampoo ed un secondo con dell'acqua pulita: si preleva del detergente dal primo secchio, si lava il primo pannello, e visto che il guanto raccoglierà dello sporco lo si risciacquerà nel secondo secchio, quello con sola acqua. A questo punto il guanto tornerà pulito e non ci saranno rischi di creare danni ripassandolo sulla superficie.
Si immerge nuovamente il guanto nel secchio contenente il detergente e si ripete l'operazione.
Lo scopo è quello di avere tutto lo sporco catturato nel secchio contenente sola acqua, mentre quello con la soluzione detergente rimarrà pulito.
E' caldamente consigliato riporre sul fondo di ciascun secchio una Grit Guard: sono griglie che si incastrano con precisione e che permettono di fare scendere lo sporco, facendolo depositare sul fondo del secchio e non facendolo più risalire, lasciando l'acqua maggiormente pulita.
Esempio della grid guard:





Particolare da non trascurare durante la fase di lavaggio è l’uso di un pennello per lavare i dettagli in cui, per forza di cose, con la spugna è impossibile eseguirlo.
Per esempio: zona tappo benzina, intorno alle guarnizioni dei vetri, griglie frontali, intorno alle targhe, fessure intorno ai fari, ecc. ecc.

- Cerchi e gomme, passaruota
I cerchi raccolgono la maggior parte dello sporco, soprattutto i depositi della polvere dei freni, che deve essere rimossa in modo efficace e sicuro.
Molti prodotti facilmente reperibili sono acidi e aggressivi in modo da staccare con facilità ed in poco tempo lo sporco: sconsigliamo l'uso di questi prodotti prodotti perchè possono provocare danni alla verniciatura del cerchio nei casi in cui non vengano usati propriamente o anche solo se usati di frequente. Consigliamo caldamente l'uso di prodotti delicati a Ph equilibrato.
Per ottenere un buon risultato usando un prodotto delicato è utile aiutare il detergente con una spazzola ed un pennello, permetendo di arrivare anche negli spazi più angusti e per fare bene tutte le parti che generalmente non riescono alla perfezione (canale, sedi dei bulloni, angoli delle razze).
Anche le gomme raccolgono lo sporco, anche se a volte non si vede, visto il loro colore!
Pulire la gomma è fondamentale, specialmente se si vuole applicare un prodotto ravvivante e protettivo, in modo da esaltarne al massimo la brillantezza e garantirne una lunga durata nel tempo.
Per la pulizia della gomma consigliamo di spruzzare del pulitore universale e strofinare con un spazzola a setole abbastanza dure.

I passaruota sono sempre trascurati durante il lavaggio: immaginate un'auto lavata ad arte, brillante, con cerchi splendenti e gomme di un nero intenso e di vedere gli schizzi nell'interno del parafango...
Un pugno in un occhio! Anche qui è utile agire con la spazzola infilandola nell'arco del passaruota dopo aver spruzzato uno sgrassatore.

- Vetri
I vetri sono una parte fondamentale della vettura: attraverso di essi vediamo dove andiamo e, se non puliti a dovere, rendono difficoltosa e stancante la guida: il modo migliore per tenerli puliti è usare un prodotto rapido e che evapori in fretta, non lasciando aloni.
Al posto della tradizionale carta si consiglia l'uso di un panno specifico (a trama fitta e liscia o a nido d'ape) che assorba il prodotto spruzzato e lo sporco, riducendo i tempi necessari alla pulizia e massimizzando il risultato.
Un panno in microfibra sarà sempre più morbido di un pezzo di carta, non graffia e non lascerà pallini.

Abbiamo terminato la fase di lavaggio: ci accorgeremo che in alcuni casi non è stato sufficiente a rimuovere tutto lo sporco: nella prossima sezione "decontaminazione" viene spiegato quali agenti potrebbero essere ancora presenti sulle superfici, rendendole ancora spente e poco lucenti.

- Asciugatura
La fase, molto importante, è quella dove si creano molti diffetti. Utilizare solo il panno in microfibra. Sconsigliato l'uso di pelle di daino, che risulta essere la causa maggiore dei micrograffi.

Ci soffermiamo su un'aspetto importante del lavoro del Detailer: dopo ogni passo bisogna fermarsi un attimo ed analizzare la superficie, verificando il lavoro eseguito.
Se questo ci soddisfa, possiamo passare alla fase successiva, altrimenti bisogna ripetere l'operazione, magari usando una combinazione un po' più aggressiva.